(IN) Netweek

MILANO

Coronavirus, la maxi-mobilitazione è scattata Assessore Gallera: « Sappiamo come agire e lo stiamo facendo con professionalità totale, nessun caso in Lombardia»

Share

«In Lombardia non c’è stato nessun caso di Coronavirus e i due cinesi che erano risultati positivi, pur essendo atterrati a Malpensa, non sono transitati nella nostra Regione».

Lo ha confermato il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana e l’assessore al Welfare, Giulio Gallera.

«Alle 12.35 di venerdì scorso – ha spiegato – abbiamo ricevuto una mail con la quale il ministero della Salute ha confermato che ‘Regione Lombardia non è interessato dal contact tracking attivato per i due casi confermati di 2019 nCov’. Appena arrivati i due turisti si sono trasferiti immediatamente a Verona».

«La macchina sanitaria regionale ha dimostrato di funzionare con grande efficienza ha sottolineato l’assessore Gallera – muovendosi nel pieno e totale rispetto di protocolli e linee guida nazionali e internazionali. Il nostro sistema ha dato prova di massima competenza e reattività. Anche questo messaggio deve dare sicurezza e tranquillità. Sappiamo come agire e lo stiamo facendo con professionalità totale».

L’assessore Gallera ha poi spiegato che i controlli a Malpensa sono gestiti da un’unità speciale (USMAF) che dipende direttamente dal Ministero della Salute che, una volta verificati i primi casi, aveva disposto controlli direttamente sugli aerei a Fiumicino dove atterrano voli diretti.

«L'apparato di sicurezza sanitaria messo a punto dalla Regione Lombardia in stretto raccordo con il Ministero della Salute è operativo: si effettuano controlli su passeggeri direttamente in aereo, sono stati attivati percorsi specifici con i Medici di Base e attraverso l'azienda regionale per l'emergenza urgenza. Niente allarmismi, in caso di necessità è opportuno rivolgersi direttamente al 112 o al numero del Ministero "1500".

Lo afferma l'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, illustrando il piano d'intervento messo a punto per affrontare eventuali casi di contagio da 'coronavirus' e per gestire le operazioni preventive e di sicurezza.

«E’ stata attivata la rete delle Unità Operative Ospedaliere di Malattie Infettive e sono stati individuati i laboratori di riferimento regionale a cui gli ospedali fanno riferimento per effettuare la ricerca del virus».

«Vorrei rassicurare tutti i cittadini lombardi - conclude Gallera - perchè il sistema di sorveglianza regionale è operativo.

Questo è anche il periodo con il picco di influenza ed è importante non farsi prendere da infondate paure. Per ogni dubbio occorre rivolgersi al proprio medico curante, non andare autonomamente in un pronto soccorso, ma se necessario, chiamare il Numero 112, attraverso il quale saranno attivati i percorsi necessari».

Laboratori di riferimento e reparti specializzati

I Laboratori di Riferimento regionali indicati per la ricezione dei campioni biologici provvedono a raccordarsi con il laboratorio dell’Istituto superiore di sanità e a informare contestualmente la UO Prevenzione di Regione Lombardia e la struttura di ricovero del paziente.

Ecco i laboratori:

– Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute, Università di Milano;

? S.S. Virologia Molecolare, S.C. Microbiologia e Virologia Fondazione Irccs Policlinico San Matteo;

– U.O.C Microbiologia Clinica, Virologia e diagnostica delle Bioemergenze, Asst FBF-Sacco;

La rete delle malattie infettive ospedaliere della Regione Lombardia che fa da riferimento per la gestione ed il ricovero dei casi è composta da: Irccs San Matteo Pavia Raffaele Bruno (Pavia), Asst Milano Ovest Paolo Vigano (Legnano), Asst Sette Laghi Paolo Grossi (Varese), Asst FBF Sacco Giuliano Rizzardini – Massimo Galli (Sacco – Milano), Asst Valle Olona Fabio Franzetti (Busto), Asst Lecco Paolo Bonfanti (Lecco), Asst Cremona Angelo Pan (Cremona), Asst Lariana Luigi Pusterla (Como), Asst Mantova Salvatore Casari (Mantova), Asst Papa Giovanni XXIII di Bergamo Marco Rizzi (Bergamo), Asst Spedali Civili di Brescia Francesco Castelli (Brescia), Asst Niguarda Massimo Puoti (Milano), Irccs San Raffaele Adriano Lazzarin (Milano), Asst Santi Paolo e Carlo Antonella d’Arminio (San Paolo – Milano), Asst Monza Marco Migliorino (Monza), Asst Lodi Angelo Regazzetti (Lodi) e Irccs Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico Andrea Gori (Milano).

Leggi tutte le notizie su "Pavia"
Edizione digitale

Autore:ces

Pubblicato il: 03 Febbraio 2020

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Si parla di:



Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.