(IN) Netweek

MILANO

Guido Kroemer riceve il premio «Lombardia è ricerca» Il biologo molecolare ha ricevuto 1 milione di euro, finanzierà due progetti legati alla fibrosi cistica e ai batteri anti-aging

Share

Meno calorie per vivere più a lungo. La scoperta arriva dalla ricerca del biologo molecolare Guido Kroemer, vincitore della terza edizione del premio internazionale 'Lombardia è ricerca', che ha assegnato 1 milione di euro al miglior studio portato avanti nell'ambito delle Scienze della Vita. Tappa finale del percorso, venerdì scorso, al Teatro alla Scala di Milano con una cerimonia densa di interventi declinati al tema dell'innovazione. Kromer ha avuto il merito di scoprire nella restrizione calorica, in grado di ridurre l'autofagia, un fattore chiave per la longevità in salute. Una giuria composta da 15 scienziati di calibro internazionale, presieduta dalla cardiologa Silvia Priori, ha quindi scelto di premiare Kroemer in considerazione di una formula per combattere invecchiamento cardiovascolare e rinforzo dell'immunità antitumorale. 1 milione di euro che ora servirà a finanziare due progetti: «Fibrosi cistica e batteri anti-aging sono le priorità sulle quali lavoreremo nei prossimi mesi».

Presenti al gran Galà Istituzioni, mondo della scienza e dello spettacolo. Punta di diamante dei vari assessorati regionali, quello dell'innovazione è un settore sul quale il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha sempre leva. Lo dimostrano le sue esperienze più recenti. «La ricerca è un ambito a cui il Pirellone dedica un grande impegno. Sono stato indirettamente partecipe di alcune sperimentazioni altamente innovative: ho infatti propagato la mia voce per tutto Palazzo Pirelli attraverso un fascio di luce a led. Ma ricordiamoci che la Lombardia è stata anche teatro della prima operazione chirurgica svolta da remoto all'ospedale San Raffaele di Milano». «Il nostro modello - ha aggiunto Fontana - dovrebbe essere esportato nel resto del Paese per ottenere la stessa resa». Titolare dell'innovazione nonché vice presidente di Regione Lombardia, Fabrizio Sala, ha spiegato: «In Lombardia realizzeremo qualcosa di unico al mondo. Entro 30 mesi troverete alcuni prodotti nei supermercati che avranno un'etichetta digitale e saranno collegati a sensori che ne monitoreranno conservazione e data di scadenza. Costruiremo, inoltre, la più grande stampante 3D al mondo. Stamperà ponti e sarà in lizza con Chicago». Sul palco è salito anche il dottor Paolo Veronesi, figlio di Umberto, cui era dedicata proprio la giornata della ricerca. «Che mangiare poco facesse vivere più a lungo lo sapevamo - ha scandito Veronesi -. Ma ora ce lo dice una ricerca che ne ha indagato i meccanismi. Con l'invecchiamento generale della popolazione ci troviamo infatti a dover affrontare nuove sfide». Altro interessante contributo scientifico quello del neurobiologo dell'Università di Firenze, Stefano Mancuso, che ha parlato dell'intelligenza delle piante, della loro grandezza in relazione al nostro Pianeta, in virtù del fatto che esse costituiscano l'85% della biomassa terrestre. L’iniziativa che ha ospitato, tra gli altri, l'attore Giacomo Poretti, il conduttore Gerry Scotti, ambasciatore della ricerca per Regione Lombardia, e Salvatore Aranzulla, fondatore Aranzulla.it. La musica è stata invece affidata a Raphael Gualazzi al pianoforte ed Edoardo Zosi al violino. Premi speciali anche a tre progetti scolastici del liceo scientifico statale Galilei - Erba (Co), istituto aeronautico Locatelli - Bergamo, ISIS Facchinetti - Castellanza (VA).

Leggi tutte le notizie su "Pavia"
Edizione digitale

Autore:fmh

Pubblicato il: 11 Novembre 2019

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Si parla di:



Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.