(IN) Netweek

MILANO

Milano capitale indiscussa del Design Numeri record per il settore con 19 miliardi di fatturato annuale e 350 milioni a settimana

Share

Fuorisalone, a Milano città coinvolge circa 23 mila imprese, 154 mila addetti, 19 miliardi di fatturato annuale, circa 350 milioni a settimana, secondo i dati della Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi tra ristoranti e bar, alberghi, negozi e locali e assistenza turistica e di lavoro.

Metà in alloggio e ristorazione, un quarto nello shopping e un quarto nei servizi collegati. Nello shopping l’abbigliamento pesa la metà e gli alimentari il 20%. Nei servizi oltre il 70% sono trasporti. Sono settori che crescono dell’1% in un anno e del 7% in cinque anni a Milano.

Ha dichiarato Valeria Gerli, membro di giunta della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi: «Il Fuorisalone è un’occasione per apprezzare Milano anche come città d'arte, cultura e tempo libero. È un momento di forte richiamo che contribuisce in modo decisivo alla collocazione internazionale di Milano, dal punto di vista dei rapporti economici e culturali. Bisogna invitare a tornare e soggiornare più a lungo a Milano e in Lombardia per approfondire e sperimentare le diverse proposte di visita ed esperienza di svago».

Il percorso espositivo ha coinvolto 17 start up e MPMI con la Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi. Palazzo Giureconsulti anche quest’anno ha portato le imprese al centro di Milano in occasione del Fuorisalone con un’esposizione di prodotti e servizi innovativi nei settori del design e impresa 4.0. Piattaforme di ecommerce avanzate per la promozione del design made in Italy, nuove reinterpretazioni di oggetti e materiali per l’arredo, esperienze sensoriali che pongono al centro le materie base per l’arredo, tecnologie 4.0 e progetti nel segno dell’economia circolare e green applicate al design, progetti innovativi tra arte, design e turismo, progetti avanzati di realtà virtuale con molteplici applicazioni in ambito b2b e b2c sino alla possibilità di immergersi e sperimentare il mondo di Leonardo Da Vinci: l’obiettivo è offrire al grande pubblico del Fuorisalone una full immersion nei campi del design, impresa 4.0 e digitale grazie a un percorso espositivo tra i prodotti e servizi realizzati da un gruppo di imprese selezionato dalla Camera di Commercio che unisce innovazione e attrattività.

Milano pesa il 16% in Italia per business legato ai saloni. Milano città pesa il 6% nazionale per addetti con 154 mila su 2,6 milioni nel Paese ma il 16% per giro d’affari annuale con circa 19 miliardi di euro su oltre cento miliardi.

Boom di sharing mobility, catering, bed & breakfast, booking. A Milano boom di catering (104 imprese, +11% in un anno e + 71% in cinque anni), di bed & breakfast (382 attività, +14% e +93%), di affitto vetture con la nuova mobilità in sharing (163 imprese, +12% e +37%), di servizi di prenotazione (158, +11% e + 61%), di ristoranti (5669, +4% e + 27%).

Alloggio e ristorazione valgono metà delle imprese dell’indotto della città (12 mila). Sono oltre mille gli alberghi e gli alloggi coinvolti in città, quasi 6 mila i ristoranti e 5 mila bar (circa metà ciascuno sul settore ospitalità).

Lo shopping col 24% delle imprese dell’indotto cittadino (circa 5 mila). Primi settori abbigliamento con quasi la metà, tra vestiti e calzature (1850 imprese e 409, rispettivamente il 34% e il 7,5% di tutte le imprese dello shopping). Poi gli alimentari (1.064 imprese, il 20% circa), di cui oltre 300 pasticcerie. Ma anche i tabacchi (622, oltre 10%), le edicole (487, circa 10%), i negozi di articoli farmaceutici e di bellezza e le profumerie (insieme 679 imprese, il 12% dell’indotto commerciale). I servizi con oltre 5 mila imprese (24% del totale indotto cittadino). I servizi collegati sono 5.340 imprese, 4 mila imprese tra taxi (oltre 2 mila) e trasporto merci (quasi 2 mila), insieme rappresentano oltre il 70% dell’indotto nei servizi. Poi ci sono 695 fotografi (13% dell’indotto nei servizi) e gli interpreti (174, 3%), oltre a 134 servizi di prenotazione, quasi il 3%.

I professionisti del design «Queste giorni dedicati al design, oltre a essere una importante occasione di business per le imprese, rappresentano un’opportunità per farci conoscere l’importanza della creatività e capacità artigianali che rendono i nostri prodotti conosciuti nel mondo» ha dichiarato Marco Accornero, membro di giunta della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi.

Sono quasi 4 mila all’anno gli assunti in regione su circa 17 mila in Italia. Si tratta soprattutto di disegnatori di prodotti industriali e di beni di consumo, oltre 3 mila in Lombardia su 14 mila nel Paese (24%) e quasi la metà è giovane (47%). Circa uno su due è di difficile reperimento (47%), soprattutto per mancanza di candidati. Ed è una professione più per uomini, preferiti nel 45% dei casi. Ma ci sono anche gli orafi e i disegnatori di gioielli, 180 in regione su 1.540 nazionali.

Leggi tutte le notizie su "Pavia"
Edizione digitale

Autore:ces

Pubblicato il: 15 Aprile 2019

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Si parla di:



Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.