(IN) Netweek

MILANO

Terzi: «Importanti sconti per i pendolari» La Milano-Serravalle promette interessanti benefici per 50 mila automobilisti

Share

Il potenziamento delle infrastrutture in vista delle Olimpiadi Milano-Cortina, gli sconti ai pendolari con un investimento di 4 milioni, e il monitoraggio delle criticità che insistono sulla rete ferroviaria. L'assessore regionale alle infrastrutture, Claudia Maria Terzi, riprende in mano i temi di stretta attualità che attengono al suo mandato.

Una grande opportunità quella delle Olimpiadi per la nostra Regione.

«Sì, siamo ancora nella fase dell'esaltazione, anche se sappiamo del lavoro che ci aspetta. C'è molto da fare in tema di infrastrutture, specie se consideriamo l'arrivo di moltissimi sportivi. La priorità va alla Ss 36 e alla 38 verso Sondrio, le più critiche. Prima della notizia sulle Olimpiadi avevamo già previsto un tavolo. L'intenzione è quella di costituire un gruppo di lavoro in Regione che lavori alle Olimpiadi considerandole un' occasione per facilitare la realizzazione di opere complesse. Questo perché, generalmente, la burocrazia non ci aiuta in questo senso. Abbiamo un tempo limitato: 6 anni».

Quanto al tema di viabilità e pendolari, ci sono novità rispetto ai rimborsi?

«La notizia delle notizie è stata l'intervento di Milano - Serravalle, che ha recepito le sollecitazioni del Consiglio regionale chiedendo un occhio di riguardo per i pendolari. Con loro abbiamo quindi intavolato una discussione. La società ha studiato la possibilità di estendere la scontistica, inizialmente residuale, che ora passa a una platea decisamente più ampia. Passeremo da 6/7 mila a 50 mila utenti. Così ampliamo la casistica e semplifichiamo le modalità con cui accedere agli sconti. Si tratta di 4 milioni di euro di mancati incassi per Serravalle, che vengono messi sul piatto per questa operazione. Vimercate, Sesto San Giovanni e Terrazzano sono le barriere interessate dalla scontistica. Vogliamo fare in modo che le tangenziali diventino l'alternativa al traffico locale. Qualcuno, per evitare di pagare il pedaggio, è solito intasare la viabilità locale. Da una parte andiamo incontro ai cittadini, dall'altra andiamo incontro alle amministrazioni locali alle prese con il traffico di attraversamento».

Come stanno andando le cose sulla rete ferroviaria?

«Il trend positivo sta procedendo. La modifica dell'orario invernale ha portato a un abbassamento forte delle soppressioni e a un innalzamento del livello medio di puntualità. Inutile nascondere che abbiamo avuto qualche problema con il super caldo. Anche se non è una giustificazione. Abbiamo riscontrato problemi soprattutto legati ai treni vecchi, che con il caldo non riescono a girare poiché per ragioni tecniche vanno in blocco automatico sopra i 35 gradi. Aggiungiamoci poi il fatto che un paio di scioperi ed eventi calamitosi hanno reso poi il tutto più difficoltoso. Trenord ha comunque complessivamente tenuto. Aggiungo però che nel corso dell’ultima cabina di regia sul servizio ferroviario, ho sollecitato Rfi, Trenord e Ferrovie Nord affinchè attivino un gruppo di lavoro finalizzato a coordinare la comunicazione verso i viaggiatori, ai quali devono arrivare informazioni univoche e tempestive. Il dialogo tra i diversi attori del sistema ferroviario non è sempre agevole, ma l’obiettivo è risolvere anche questo tipo di problematiche».

Leggi tutte le notizie su "Pavia"
Edizione digitale

Autore:fmh

Pubblicato il: 02 Settembre 2019

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Si parla di:



Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.