(IN) Netweek

MILANO

Ricerca, piano strategico da 750 milioni Fontana e Sala: «Rendiamo Lombardia ancora più smart»

Share

Nutrizione, salute e life science, cultura, connettività, smart mobility, sviluppo sociale, manifattura avanzata. Sono queste le aree di intervento - veri e propri ecosistemi - del programma strategico triennale per ricerca, innovazione e trasferimento tecnologico approvato dalla Giunta regionale, su proposta del presidente Attilio Fontana, di concerto con il vice presidente Fabrizio Sala, assessore alla Ricerca, Innovazione, Università, Export e Internazionalizzazione delle imprese.

Un piano triennale strategico, che mobilita risorse per 750 milioni di euro, dei quali oltre 250 resi disponibili da Regione Lombardia tra fondi propri, Fondo Europeo di sviluppo regionale (Fesr), Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (Feasr), altri 126 da Stato e Unione europea e altri 374 da privati.

Il Piano evidenzia il triplice ruolo che Regione Lombardia intende giocare con riferimento all'innovazione: catalizzatore di relazioni di network/filiera/ecosistema tra attori attivi sul territorio, attivatore di investimenti legati agli ecosistemi e di investimenti nei fattori trasversali fondamentali per generare innovazione.

«Regione Lombardia ha la possibilità di tracciare le linee di sviluppo per il futuro della ricerca e dell'innovazione per rispondere alle sfide globali del nostro tempo - ha commentato il presidente Fontana - nel rispetto dei suoi valori e della scelta di un approccio distintivo e inclusivo che mette al centro di tutte le scelte la persona e i suoi bisogni».

La crescita dell'innovazione, nonostante il calo degli investimenti in Venture Capital e Private Equity, è confermata dai dati sulla startup, che - in base a dati Ministero Sviluppo Economico e Unioncamere - continuano a crescere nel 2018, segno di un mercato ancora non saturo. Si conferma la leadership di Regione Lombardia, e in particolare di Milano (1.669 startup al terzo trimestre 2018), a livello italiano.

«La ricerca e l'innovazione - ha spiegato il vicepresidente Sala - non devono servire solo a stimolare la crescita e l'economia, ma possono e devono essere importanti strumenti per rispondere in maniera concreta e misurabile alle sfide globali, in cui i megatrend influenzano i bisogni delle persone».

Sono cinque le grandi aree di sviluppo individuate dal Piano: trasferimento tecnologico; sviluppo del capitale umano; utilizzo tecnologie Internet of Things Information Communication Technology di frontiera per trasformare la Lombardia in un territorio “smart”; medicina personalizzata; agricoltura e filiera agro-alimentare avanzate.

Dopo l'approvazione in Giunta, la proposta di Piano Strategico passa all'esame del Consiglio regionale.

Leggi tutte le notizie su "Pavia"
Edizione digitale

Autore:gmc

Pubblicato il: 31 Dicembre 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Si parla di:



Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.